LIFESTYLE
Range Rover Evoque; weekend a Sextantio
Scritto il 2016-03-21
da Matteo Morichini
su
Come muoversi

Fonte: Jamie Plummer

Sextantio è un magnifico albergo diffuso in Abruzzo, la Range Rover Evoque un modello in perfetto equilibrio tra glamour, comfort e avventura. Dato che Land Rover ha appena presentato a Courchevel la versione decappottabile del suo suv compatto, questo viaggio da Roma a Santo Stefano di Sessanio e ritorno passando per il Parco Nazionale del Gran Sasso, mi ha rinfrescato le idee sulle qualità della baby Range Rover in vista del test-drive di oggi con la Evoque cabrio.

Fonte: Matteo Morichini

Evoque

Evoque

Confesso che quando vidi per la prima volta dal vivo la Evoque a Ginevra, la silhouette mi lasciò un tantino perplesso, ma al tempo stesso l'auto aveva un che di magnetico. Poi, durante una prova nella Foresta Nera, arrivò l'occasione di guidarla su strada e neve. Nel frattempo mi ero abituato all'estetica (a Roma ne circolano tantissime) e dopo una cinquantina di chilometri al volante, arrivai alla conclusione che la piccola Range Rover è davvero un piccolo portento. Non solo perchè insieme abbiamo guadato fiumi, percorso sentieri dissestati tra gli alberi e siamo scesi da un trampolino di sci ghiacciato (dove l'unica cosa che ho dovuto fare è stato premere il pulsante "descent control" e tenere dritto il volante) ma anche e sopratutto per la buona guidabilità, lo spazio, la silenziosità di marcia e le eccellenti rifiniture.

Fonte: www.landrover.it

Gli interni della Evoque

Gli interni della Evoque

Torniamo al presente con i percorsi del weekend in Abruzzo tra valichi alpini, altipiani innevati e tornanti scivolosi con base all'albergo diffuso Sextantio (di cui scriverò nei prossimi articoli) a Santo Stefano di Sessanio. Arrivo nel borgo notte fonda in una fredda serata di Febbraio; la strada è buia e quasi completamente ghiacciata. La RR Evoque, spinta dal motore 2.0 TD4 da 180 cavalli, se ne infischia della basa aderenza e procede spedita senza sussulti. I fari al led adattivi illuminano perfettamente ogni curva. La spinta è fluida e silenziosa e nonostante l'architettura comunque da suv, il rollio è appena percettibile. Il viaggio da Roma, nonostante le condizioni avverse, è una formalità. Vado a letto felice in una delle scenografiche camere dell' hotel sapendo che il giorno dopo sarà tutta cultura, natura e off-road.

IMG_4409

Il mattino seguente sveglia di buon'ora e partenza verso l'altipiano del Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Lega. La strada è stretta ma la neve è solo sui lati. Altra convincente sessione di handling. La Evoque ha uno sterzo piuttosto preciso e un telaio migliore di quasi tutti i suv compatti in commercio. Passiamo per Calascio dove la visita alla splendida rocca con vista sugli Appennini è d'obbligo.

Fonte: Matteo Morichini

la Rocca di Calascio

la Rocca di Calascio

Riprendiamo l'ascesa e una volta in cima abbandoniamo l'asfalto per i grandi e vuoti spazi coperti di erba, fango e neve. Seleziono mud and snow sul Terrain Response e la Evoque "passeggia" senza problemi sull'altipiano. Le sospensioni minimizzano buche e solchi, il grip sempre presente e così facendo arriviamo alla strada - chiusa a causa delle condizioni climatiche ma nessun problema per la Evoque - che collega l'altipiano con Santo Stefano di Sessanio.

Fonte: Jamie Plummer

lla guida del'Evoque con motore 2.0 TD4 da 180 cavalli

lla guida del'Evoque con motore 2.0 TD4 da 180 cavalli

Il sole inizia a nascondersi dietro le montagne. Il vento è teso e le nubi solcano il cielo azzurro. Tempo di tornare a valle; come previsto la Range Rover Evoque si è confermata una lussuosa avventuriera e un'auto poliedrica, ben progettata che ben si presta ai lunghi viaggi come all'utilizzo quotidiano. Come sarà senza tetto? La risposta entro la fine di questa settimana che OnTheRoad ha dedicato alla RR Evoque in occasione della presentazione internazionale della "convertible".

Fonte: Jamie Plummer

A spasso sull'altipiano del Gran Sasso

A spasso sull'altipiano del Gran Sasso