LIFESTYLE
Linee aeree; incassi e comfort non viaggiano a braccetto
Scritto il 2015-11-30
da Matteo Morichini
su
Feeling

Fonte: http://netdna.webdesignerdepot.com/

L'autorevole settimanale The Economist ha pubblicato un interessante studio sull'assenza di correlazione tra comfort e la qualità dei servizi offerti a bordo ed il successo commerciale del vettore. Il sondaggio della IATA ha coinvolto 60.000 passeggeri, 30 linee aeree, 38 hub e 75 fattori che potrebbero contribuire ad esperienze di volo più piacevoli. Contrariamente a ciò che si potrebbe pensare, i risultati dimostrano che i vettori possono essere puntualissimi, migliorare il cibo, avere sedili più comodi e spaziosi ed uno staff attento e cortese senza che nessuno di questi servizi si traduca in un aumento del fatturato e dei passeggeri.

Fonte: http://static1.businessinsider.com/

La First Class di Qatar Airlines

La First Class di Qatar Airlines

Il sondaggio potrebbe dunque aiutarci a "giustificare" il successo di linee aeree low cost tipo Ryan Air, dove gentilezza e comfort sono optional quasi introvabili. Quest'ultimo, almeno per quanto mi riguarda, rientra tra gli aspetti fondamentali nella scelta di un volo aereo piuttosto che un altro, specie se la durata supera i 90 minuti. Il problema principale pare essere ancora una volta l'uomo, che abituandosi a sedili che diventano letti, wi-fi a bordo, o la possibilità di scaricare film da Netflix e musica da Spotify come su alcuni voli Virgin, diventa intransigente e frustrato quando non trova le medesime opzioni.

Fonte: http://s3.amazonaws.com/

Virgin America

Virgin America

L'esborso economico - o meglio la scelta del volo meno caro - è dunque un fattore molto più determinante di spazio, vivibilità, cortesia, qualità del cibo ed ergonomia dei sedili. Una bruttissima notizia sia per le linee aeree che si prodigano per offrire ai passeggeri un'esperienza di volo elegante, lussuosa, confortevole e rasserenante, come per i passeggeri stessi, perche se queste sono le regole d'ingaggio per il futuro, la tendenza non può che essere un livellamento verso il basso dove comfort e piacevolezza saranno subordinate alla razionalizzazione dei costi. In altre parole voleremo tutti più scomodi.

Fonte: http://ilmattinodisicilia.it/

Esseri umani stipati s'un volo Ryanair

Esseri umani stipati s'un volo Ryanair

L'Italia, fanalino di coda in sempre più indicatori economici e sociali è anche la terzultima nazione in Europa per numero di alberghi con wi-fi incluso. E dunque, tutti conosciamo alla perfezione quel senso di fastidio nello scoprire, appena dopo il check-in, che la connessione internet è un extra venduto a prezzi fuori da ogni logica e con una miriade di codici e password per accedervi. Per questo motivo, l'iniziativa lanciata da Holiday Inn Express, che garantisce il wi-fi incluso a tutti i suoi ospiti ed in tutti e 220 hotel (8 dei quali sono in'Italia ndr) è tanto lodevole quanto necessaria. Per saperne di più cliccate sul video sotto dedicato alla campagna "Password: Keep it Simple" dove gli attori di Zelig interpretano con sarcasmo e ironia i vari disagi di soggiornare in un albergo sprovvisto di un servizio fondamentale come internet gratuito. Dunque negli Holiday Inn Express troverete convenienza, semplicità ed un wi-fi veloce e funzionante incluso nel prezzo al pari della colazione. E per accedere alla rete non ci sarà bisogno d'inserire algoritmi da motore di ricerca sul vostro dispositivo ma sarà sufficiente digitare la password "Keep it Simple". La catena Holiday Inn affronta l'argomento con leggerezza e arguzia, ma in realtà la questione merita più di un approfondimento. Piaccia o meno, internet è diventato una componente essenziale delle nostre vite, ed inserirlo come extra è un pò come far pagare il lavandino o la luce in camera. La ricerca Holiday Inn Express dimostra questa necessità attraverso i numeri. in'Italia il 42% delle strutture non offre internet compreso nel prezzo nonostante il 50% degli italiani dichiari di restare connesso più di quattro ore al giorno, e in una ipotetica scala da 1 a 10, l'importanza del wi-fi in albergo secondo gli intervistati è pari ad 8.Inoltre, durante i giorni lavorativo, il 62% degli italiani restano connessi in rete per più di di 4 ore (quindi più dei francesi e degli spagnoli fermi a quota 45 e 53 percento ndr) e quando in albergo, il 65% degli italiani si connettono al wi-fi per accedere ai social network e parlare con gli amici.  A fronte di tutte queste informazioni, Holiday Inn Express ha deciso di puntare sul wi-fi per sottolineare come non si tratti più di un servizio accessorio da offrire su richiesta, ma di un requisito fondamentale e imprescindibile.  Sponsored by Holiday Inn Express

Viaggi - Ontheroad

Situato nella centrale Via Turati, la latteria-gelateria-ristorante Biancolatte è un locale dove fermarsi a mangiare a tutte le ore, con la possibilità di iniziare da un’abbondante colazione per arrivare alla cena, passando prima dal pranzo e dalla merenda. Curato nei minimi dettagli, il locale è l’ideale per un brunch o per una pausa tè. Ottima soluzione anche per gli indecisi, essendo il Biancolatte insieme latteria, gelateria, caffetteria, pasticceria e ristorante. Tra i piatti forti del Biancolatte, da segnalare le deliziose milanesine con le patatine, le piadine e le torte. Ottimi anche le insalate maxi e i gelati. La cucina genuina e fresca e l’ambiente rilassante fanno del locale un punto di incontro per molte persone, soprattutto all’ora di pranzo e nelle pause lavoro, anche grazie alle candide tinte del locale, che invitano le persone a fermarsi, così come la vasta scelta di  dolci, gelati e piatti salati. Il Biancolatte è anche dotato di rete WiFi gratis. Biancolatte Via Turati 30 Milano >> vedi mappa Tel. 02 62086177

Tempo libero - Comunicablog