LIFESTYLE
Valle d'Itria; 5 consigli per un weekend di mare, gusto, architettura e relax
Scritto il 2015-08-07
da Matteo Morichini
su
Itinerari

Fonte: Matteo Morichini

Ulivi e città bianche, architetture uniche al mondo e distese di acqua turchese, eccellenze gastronomiche, locali storici e Presidi Slow Food. OnTheRoad ha visitato la Puglia a bordo della spettacolare Mercedes AMG Gts (seguiranno approfondimenti) e dopo tre giorni e quasi 1500 chilometri percorsi, ecco un itinerario copia e incolla per non perdersi il meglio della Valle d'Itria.

Fonte: Matteo Morichini

La Amg Gts a Masseria Torre Coccaro

La Amg Gts nel cortile della Masseria Torre Coccaro

1: La Puglia è sinonimo di mare e i bagni più belli nei dintorni della Valle d'Itria si fanno nelle calette di Capitolo (foto di copertina) oppure a Lido Macchie, dove lo stabilimento "Lullaby" propone atmosfere da "Flower Power" e sonorità downtempo in un tratto di spiaggia particolarmente scenografico.

Fonte: http://www.osteriabellitalia.it/

Un piatto all'Osteria Bell'Italia

Un piatto all'Osteria Bell'Italia

2: Tra i locali dove mangiare in Valle d'Itria c'è senza ombra di dubbio l'Osteria Bell'Italia di Cisternino  con piatti della tradizione belli da vedere e squisiti da mangiare. Al giorno, prima o dopo il bagno, fermatevi al Caseificio Crovace Oronzo a Speziale, dove oltre al delizioso reparto gastronomia, assaggerete burratine, stracciatella,  mozzarelle affumicate e giuncatine buone come poche altre in'Italia. Infine, la Taverna della Gelosia di Ostuni (che per dovere di cronaca non è in Valle d'Itria ma nella Murgia ndr) propone interessanti contaminazione tra presente e passato con piatti d'ispirazione medioevale.

Fonte: Matteo Morihcini

I prodotti Caseari di Crovace Oronzo a Speziale

I prodotti Caseari di Crovace Oronzo a Speziale

3: Mura bianco calce, vicoli come labirinti, panorami indimenticabili. Il soggiorno in Valle d'Itria non può essere completo senza una visita a Cisternino, Martina Franca e Locorotondo.

Fonte: Matteo Morichini

Trulleria in Valle d'Itria

Trulleria in Valle d'Itria

4: Con l'ascesa del turismo in Valle d'Itria sono proliferate anche Masserie e per non rimanere delusi dalle scelta, affidatevi a questa breve lista per dormire in quattro strutture di charme senza brutte sorprese. Per posizione, architettura e servizi le nostre preferite sono Masseria Montenapoleone a Pezze di greco e Masseria Torre Coccaro, mentre Masseria Alchimia e Masseria Ancella propongono interessanti variazioni sul tema.

Fonte: Matteo Morichini

Interni della Masseria Ancella

Interni della Masseria Ancella

5: Per gli amanti dei panorami la vista da Caranna - con i suoi spettacolari scorci di ulivi, masserie e mare Adriatico - è da non perdere e così per il balcone sulla Valle d'Itria tempestata di trulli da Cisternino. Chi invece è arrivato a destinazione con una macchina sportiva consigliamo la strada di curve e tornanti che collega Fasano con la Selva di Fasano.

La Puglia in ogni immaginario in cui viene descritta, si associa sempre alle spiagge. In realtà questa terra ha aiutato moltissimi poeti e cantautori a trovare nel suo fascino moltissima ispirazione. Così come tutta la regione ha sempre rappresentato il luogo preferito D'Annunziano, Polignano a Mare è sempre stato il posto più frequentato da Modugno nonché il suo luogo natìo. Il cantautore, infatti, quando scrisse "Nel Blu dipinto di blu" si ispirò proprio alla sua città natale. Il suo nome è stato dato al lungomare da cui è possibile accedere a moltissimi lidi, ecco perché il binomio spiagge & poesia, rendono Polignano a Mare una meta decisamente speciale. Le spiagge di Polignano a Mare Ci sono luoghi in Italia le cui spiagge non possono che essere un vanto, ma poche spiccano per eccellenza anche dei servizi proposti. Qui, con un vero trionfo di bandiere blu ogni anno, a Polignano a Mare sanno cosa vuol dire eccellenza. Le insenature rendono i lidi piccoli e compatti, con sabbia pulita e un'acqua limpida a dir poco stupenda. Molto conosciuta in questo senso la "Cala Paura" poiché si trova nella zona iniziale della costa. Meritevole anche la spiaggia di S.Giovanni per chi cerca un po' di relax e privacy dal turismo di massa (sconsigliata per chi ha i bimbi in quanto non attrezzata) e infine il Porto Contessa, perfetto invece per i più piccini e per le famiglie, in quanto l'area di ristoro oltre a quella balneare ha dei servizi impeccabili. L'anima folkloristica di Polignano a Mare Poiché la località vive essenzialmente di turismo estivo, vi sono moltissime manifestazioni folkloristiche soprattutto d'estate, che vale la pena conoscere. La festa della birra di giugno entusiasma moltissimo i ristoratori e i più appassionati del luppolo, ma non manca anche la parte culturale oltre a quella gastronomica come il festival letterario di luglio per esempio, intitolato "Il Libro Possibile" o ancora la sagra del pesce di agosto, vero must della città che raccoglie ogni anno moltissimi visitatori, paesani compresi. Infine, un vero tocco di classe spetta alla meravigliosa grotta che si affaccia sul mare: qui è possibile cenare in modo romantico e a lume di candela, in una location da favola.

Viaggi - Comunicablog

Il così chiamato Caronte è in arrivo ed i troppi siti dedicati al meteo - sempre più sensazionalisti, allarmisti e insopportabili - non vedono l'ora che l'ennesima ondata di caldo implacabile s'impossessi della penisola per fare incetta di click. Chi invece ha ben poco da gioire per le temperature luciferine previste, può trovare conforto prenotando subito una di queste tre fortezze - che sono a tutti gli effetti dimore storiche - avvolte dalla brezza marina e con vista del Mediterraneo. 1: Il Guardian ha appena eletto la Puglia come regione più bella del mondo e tra le tante residenze di charme della Valle d'Itria, la Masseria Montenapoleone a Pezze di Greco è una delle più eleganti e scenografiche. Costruita nel 1600 s'un antico insediamento rupestre e tornata all'originale splendore dopo un accurato restauro, la Masseria fortificata vanta una corte interna, un magnifico giardino di ulivi, fichi e agrumi, prodotti del territorio ed una monumentale piscina. Come da titolo, il mare Adriatico è visibile da ogni angolo e finestra delle confortevoli camere e suite; ognuna diversa dall'altra ed arredate con mobili costruiti a mano. 2: Utilizzata più volte da OnTheRoad per i servizi fotografici (vedere foto sopra) di alcune fuoriserie, la Torre di Talamonaccio è un sogno ad occhi aperti ed uno dei posti dove soggiornare almeno una volta nella vita. Costruita s'un promontorio a picco sul Tirreno, la struttura fortificata del XIII secolo - circondata da agavi e macchia mediterranea - ha una discesa a mare privata ed osserva l'Isola del Giglio, Talamone, l'Argentario e il tramonto. E anche quando il caldo colpisce duro, il refrigerio è garantito dalla brezza marina e dalla pietra che mantiene le quattro raffinate camere fresche d'estate e calde (più o meno) d'inverno. Tutta la torre può essere affittata a settimana. 3: Per rimanere in tema con l'ultimo servizio pubblicato sul Parco del Conero e la sua riviera, il posto giusto dove dormire nella baia di Portonovo è il Fortino Napoleonico con la tipica forma perimetrale a lanterna; innalzato come fortezza nel 1810 dal ViceRè d'Italia Eugenio de Beauhamais e adagiato sulla famosa spiaggia di ciottoli bianchi, il Fortino è anche uno dei gioielli artistici della baia insieme ai suggestivi scogli conosciuti come "le due sorelle" e la Chiesa Romanica di Santa Maria.

Viaggi - Ontheroad