LIFESTYLE
F-Type S Cabrio tra il lusso de La Suvera e i cipressi della Toscana
Scritto il 2015-08-27
da Matteo Morichini
su
Come muoversi

Fonte: Emanuele Macaluso

In questo servizio dedicato al viaggio con la Jaguar F-Type S Cabrio Awd in Toscana, vi portiamo alla scoperta del raffinato lusso del Relais la Suvera a Pievescole e nelle iconiche strade incorniciate di cipressi tra Monticchiello in Val d'Orcia e Galliano nei pressi di Barberino di Mugello. Location uniche, ad alto tasso scenografico e di rarissima bellezza; quindi tutti posti ideali per godersi al meglio l'elegante sportiva inglese.

Fonte: Matteo Morichini

La scala rinascimentale nel cortile de La Suvera

La scala rinascimentale nel cortile de La Suvera

Dello straordinario Relais La Suvera abbiamo già scritto un articolo qualche tempo fa dal nome "Lusso e Pace in Val d'Elsa" e per rileggere l'infinità di ottimi motivi per soggiornare in questo Small Luxury Hotel immerso nel verde v'invitiamo a cliccare qui.

Fonte: Jamie Plummer

Una delle meravigliose camere de La Suvera

Una delle meravigliose camere de La Suvera

Fonte: Jamie Plummer

Il cortile del Relais La Suvera

Il cortile del Relais La Suvera

Mentre per vedere altre fantastiche foto della campagna toscana e delle strade più belle della regione percorse in compagnia del 3000 V6 da 380 cavalli della F-Type S Awd non dovete far altro che scorrere sotto. Buona visione.

Fonte: Matteo Morichini

La strada di Cipressi accanto a Galliano

La strada di Cipressi accanto a Galliano

Fonte: Emanuele Macaluso

Verso la Val d'Orcia

Verso la Val d'Orcia

Fonte: Matteo Morichini

a San Quirico d'Orcia

a San Quirico d'Orcia

Fonte: Matteo Morichini

La strada tra Monticchiello e Pienza

La strada tra Monticchiello e Pienza

Ci sono alberghi che cambiano completamente volto e memorie alla vacanza ed uno di questi è il Pacific Resort Aitutaki; indimenticabile proprietà nell'omonima isola - famosa per la laguna più bella del mondo - ed che uno dei boutique hotel più quotati dell’Oceania. Il Pacific Resort Aitutaki è parte degli Small Luxury Hotels, ha poco più di venti bungalow – tutti con vista mare – costruiti nello stile tradizionale delle Isole Cook ed è l’unica struttura a cinque stelle di questo affascinante arcipelago dei Mari del Sud.   Tuttavia, ciò non vuol dire che dovrete accendere un mutuo o vendere la vostra macchina per soggiornarvi come invece potrebbe accadere per un resort dalle qualità analoghe a Bora Bora, Huahinè o alle Fiji nonostante tutte le più autorevoli pubblicazioni di viaggi e lifestyle internazionali descrivano il Pacific Resort Aitutaki come un’eden senza eguali al mondo. Ed effettivamente è davvero difficile trovare un luogo che unisca eleganza, under statement, servizi ai massimi livelli, gentilezza, sorrisi, armonia e comfort con le acque più incredibili che possiate immaginare. Se la laguna davanti all’albergo è irradiata da una luce speciale ed osservarla al mattino dalla terrazza delle colazioni è un’esperienza da pelle d’oca, i colori del mare attorno agli atolli di Aitutaki sono di sconvolgente bellezza. A questo proposito, il personale del Pacific Resort sarà felice di organizzare per voi il servizio di water-taxi con il quale in circa mezz’ora di navigazione si raggiungono i paradisiaci motu di Honeymoon e One Foot Island.   In realtà però, le escursioni aspetteranno almeno qualche giorno perché una volta arrivati ed avvolti dal più totale benessere, sarà davvero difficile lasciare la proprietà. Al Pacific Resort ci si addormenta al suono del Pacifico che colpisce il reef, la spiaggia di sabbia candida e sottile è da due passi dal bungalow, le camere trasmettono serenità, colazione e cena sono un inno al romanticismo ed al più casual Black Rock Cafè preparano dei tacos di pesce strepitosi da gustare al tramonto con una buona birra locale per dormire alle Isole Cook non esiste davvero nulla di meglio.  

Viaggi - Ontheroad

Se Queenstown è diventata una meta di alto livello, è anche grazie all'incantevole lusso dell'Eichardt's Private Hotel; intimo albergo cinque a stelle affacciato sul lago Wakatipu  e parte della sofisticata collezione Small Luxury Hotels.  Costruito nel 1860 durante il gold rush l'Eichardt's è diventato uno degli edifici più iconici di Queenstown ed uno degli indirizzi più premiati della hotelerie neozelandese. L'albergo conta appena cinque stanze  - tutte arredate in stile classico e dalle finiture impeccabili - irradiate di luce naturale grazie alle ampie finestre con vista lago e montagne. Eichardt's è uno degli indirizzi più cool del paese per una lunga serie di ragioni legate alla storia, alla posizione ma anche alla qualità dei servizi offerti. Nell'elegante Parlour situato al prima piano, ci si rilassa degustando i Pinot Neri dell'Otago e  brandy selezionanti. L'Eichardt's Bar serve una raffinata colazione seguita da deliziose tapas rielaborate utilizzando i migliori ingredienti neo zeolandesi; tutti i piatti del menù sono eccellenti, ma il manzo affumicato con cioccolato, chili, cannella e purea di rape bianche è semplicemente straordinario. Avendo appena cinque stanze, l'Eichardts ha ampliato la sua offerta con i Lake Fronts Apartments;  vere e proprie case con vista lago ed interior design a cura di Virginia Fisher dove la camera da letto è leggermente rialzata rispetto al salotto e la veranda. Gli appartamenti - belli da vedere e da vivere - uniscono comfort, praticità, lusso ed una grande cura dei dettagli. Tutto è ai massimi livelli; come al The Spire Hotel; struttura di quelle giuste che vi racconteremo a breve su queste pagine,  

Viaggi - Ontheroad

Costruito s'una imponente collina al confine tra la Val d'Orcia e la Valdichiana, Montepulciano è uno dei borghi più scenografici di tutta la Toscana, e grazie ai 600 metri d'altezza anche uno dei più freschi. Il che significa che potete visitare questo splendido paese - al tempo del rinascimento unico feudo fiorentino in territorio senese -  anche ad Agosto senza liquefarvi. La lista di cose da fare a Montepulciano - tra visite ad architetture civili e religiose, aree naturistiche, le attrazioni enogastronomiche ed i tanti eventi organizzati dal Cantiere Internazionale d'Arte è piuttosto imponente e OnTheRoad ha creato questa piccola guida con le cinque tappe da non perdere a Montepulciano. 1: Piazza Grande - Osservatela da tutti i lati, a tutte le ore e da tutte le prospettive perchè questa è una delle piazze più belle del mondo con edifici  progettati dai migliori architetti del Rinascimento come Antonio de Sangallo il Vecchio, Michelozzo Michelozzi ed Ippolito Scalza. 2: Dalla Macchia al Decadentismo - in programma fino al 1 Novembre e suddivisa tra la Fortezza e il Museo Civico, l'inedita mostra dei "macchiaioli"raccoglie una lunga serie di dipinti privati (molti provengono dal Rotary Club locale) nelle Terre del Poliziano ed è particolarmente interessante perchè i pittori - vicini all'impressionismo - utilizzano la tecnica a macchie per rendere più vere le rappresentazioni. 3: Palazzo Ricci - Le scale di questo magnifico palazzo conducono alle Monumentali Cantine scavate nel suolo tufaceo dove tra archi, volte e pilastri troverete enormi botti in rovere di Slovenia con migliaia di ettolitri del pregiato Nobile di Montepulciano. Tornati in superficie, il Palazzo del XVI secolo offre un altro spettacolo unico al mondo con una sensazionale vista della Val D'Orcia, inserita tra i Patrimoni dell'Umanità dall'Unesco. 4: Meublè Il Riccio - Per trascorrere notti immersi in atmosfere medioevali  il posto dove dormire in grande stile è questo intimo e curatissimo hotel a pochi passi da Piazza Grande dove tra i tanti punti di forza c'è anche una splendida terrazza panoramica con vista Valdichiana e tetti di Montepulciano. 5: La Chiesa di San Biagio - Ultimo e non meno importante, una visita a Montepulciano non può considerarsi completa senza aver visto la Chiesa di San Biagio; luogo di culto rinascimentale e tanti monumentale da guadagnarsi la definizione di tempio.

Viaggi - Ontheroad