LIFESTYLE
Un sogno chiamato Le Sirenuse
Scritto il 2015-06-15
da Matteo Morichini
su
Dove dormire

Fonte: Jamie Plummer

Diciamolo subito e senza troppi giri di parole; Le Sirenuse di Positano è un posto straordinario ed uno degli alberghi più belli non solo della Costiera Amalfitana ma di tutto il pianeta terra. La storica proprietà appartiene alla famiglia Sersale che ha saputo trasmettere a tutto lo staff dell'hotel classe,  garbo ed un impareggiabile eleganza. Le Sirenuse, è dunque essere gestito come meglio non si potrebbe ed è uno di quei posti che colpisce dritto al cuore, lasciando nell'anima dei viandanti ricordi onirici e indelebili.

Fonte: Jamie Plummer

L'eleganti sale interne de Le Sirenuse

L'eleganti sale interne de Le Sirenuse

Prima di visitare la Costiera Amalfitana avevo più volte sentito parlare della bellezza di questo spettacolare angolo della Campania e di come Le Sirenuse fosse Positano, ed erroneamnente avevo accolto quanto sopra con un certo scetticismo immaginandomi l'esasperazione del turismo e prezzi fuori controllo. Ma dopo una notte a Le Sirenuse ho capito perchè le persone attraversano il mondo - dall'America all'estremo oriente - per soggiornare in questo meraviglioso albergo parte dei The Leading Hotels of the World.

Fonte: Jamie Plummer

Piscina con vista a Le Sirenuse

Piscina con vista a Le Sirenuse

Fonte: Jamie Plummer

Guardando a sud dalla camera 43

Guardando a sud dalla camera 43

Ogni angolo della struttura è infatti un omaggio a tutto ciò che è bellezza e armonia. Dalla piscina, come dalle camere e dalla sala colazioni, c'è la vista di Positano più bella e illuminante che possiate immaginare dove un singolo sguardo cattura le primordiali rocce su cui è appollaiato il paese, la basilica con la cupola di piastrelle, poi la spiaggia, il mare e l'Isola dei Galli che appartenne al ballerino Nureyev e che nella mitologia secondo Omero fù uno dei luoghi del canto delle sirene nell'Odissea.

Fonte: Jamie Plummer

Ceramiche, arredi d'epoca e grande gusto; interior design by Le Sirenuse

Camere de Le Sirenuse

A Le Sirenuse, storia ed epica convivono con arredi di un'eleganza sopraffina e nelle stanze, dominate dal bianco per meglio riflettere la maestosa luce del Mediterraneo, si potrebbe restare per ore a contemplare non solo l'unicità della vista, ma anche pavimenti e pareti impreziositi dalle ceramiche locali  e la perfezione di ogni singolo elemento e dettaglio.

Fonte: http://www.thehoneymoonproject.com/

LeSirenuse; stanza n 22

LeSirenuse; stanza n 22

Tutto - dai materassi  all'ultima zampa del tavolino - è ai massimi livelli e rifinito con gusto e attenzione. I regali bagni dispongono di enormi vasche idromassaggio dalle quali si osserva l'infinito e le camere hanno lenzuola e asciugamani firmati Frette e tutti comfort e le tecnologie contemporanee.

Fonte: https://true5stars.com

Le Sirenuse vasca idromassaggio

Gli spazi comuni poi sono un alternarsi di salette, terrazzi e corridoi impreziositi da soavi maioliche, mobili d'epoca e quadri storici. E nulla all'interno delle mura è forzato, vistoso o pacchiano. C'è un predominante senso di ricchezza e benessere ovvio, ma non di ostentazione.

Fonte: Jamie Plummer

Uno dei salotti all'interno dell'albergo

Uno dei salotti all'interno dell'albergo

Le Sirenuse è ambasciatore di un lusso autentico, di grandissimo fascino ma non certo convenzionale e visitare Positano senza dormire nella storica proprietà è un pò come andare a Roma e perdersi Pantheon e Colosseo; perchè la Sirenuse prima di essere albergo era la casa privata della Famiglia Sersale ed all'interno della struttura si respira ancora la storia e la magia del luogo, che trova espressione negli arredi, nei dettagli, nella cortesia del personale e nell'eleganza di un architettura perfettamente integrata con uno dei paesaggio più belli del mondo.

Fonte: Jamie Plummer

Le Sirene de Le Sirenuse

Le Sirene de Le Sirenuse

Ed infine, quando cala il sole e Positano diventa un presepe, oltre allo Champagne&Oyster Bar si può scegliere di mangiare nel ristorante La Sponda (una stella Michelin) illuminato da 4oo candele.

Bella da impazzire, più scenografica di un kolossal ma anche trafficata come pochi altri posti al mondo. Per vivere al meglio atmosfere e paesaggi della Costiera Amalfitana la macchina è essenziale ed essendo le strade anguste, tortuose e con mastodontiche sorprese - vedere alla voce noncuranti e prepotenti autobus turistici che andrebbero banditi a vita dalla zona - dietro ad ogni curva cieca, l'auto in uso deve essere agile, compatta, confortevole, scattante sul breve e possibilmente senza tetto. In altre parole per guidare in Costiera, non c'è nulla di più adatto della sempre piacevole, sempre stilosa Mini Cooper S Cabrio. Quella che vedete in queste foto in abito amaranto fumè, è la precedente generazione (la nuova versione per il momento è solo Coupè ndr) di Mini Cooper SD spinta da un efficace e piuttosto performante motore 2.0 diesel da 140 cavalli. Il che significa consumare pochissimo ad andature lente e autostradali ma anche avere tutto lo spunto che serve per effettuare sorpassi e cambi di direzione in allegria.  Ed a ciò si aggiunge un'estrema cura dei dettagli estetici - dove la forma non è mai fine a se stessa ma segue invece la funzione come il vero design comanda - ed un abitacolo molto piacevole per geometrie, comfort e multimedialità integrate.  Infine, la possibilità di ripiegare in un attimo la sobria ed elegante capote in tela, rende ogni spostamento più speciale.  Sopratutto in luoghi ad alto tasso di spettacolarità visiva come la Costiera Amalfitana, dove ogni scorcio, angolo o panorama è un dipinto e un emozione che scalda il cuore. Per visitare con calma e in quest'ordine Positano, Praiano Amalfi, Ravello e Cetara due giorni possono anche bastare. Per dormire - e sul tema seguiranno approfondimenti - scegliete tutta la magnificenza de La Sirenuse di Positano. Per mangiare distanti dalle folle e dalle costose trappole per turisti andate dritti sparati al Bar Mare Petit Restaurant sulla spiaggia di Praiano  e dopo un bel bagno nelle acque smeraldo della Costiera tornate a bordo della Mini Cabrio per un'altra sessione di curve verso Ravello e concludete la giornata con una lunga passeggiata tra i fiori e le sculture di Villa Cimbrone.

Viaggi - Ontheroad

La Costiera Amalfitana sembra nata dalla tavolozza di un pittore che ha voluto utilizzare le sfumature di colore più calde e vive per creare un paesaggio che incantasse il visitatore al primo colpo, regalando emozioni uniche e panorami di tale suggestione da far dubitare, per un attimo, di essere reali.

Viaggi - Comunicablog