LIFESTYLE
La Costiera in Mini Cabrio tra agrumi, scogliere e sirene
Scritto il 2015-06-10
da Matteo Morichini
su
Itinerari

Fonte: Matteo Morichini

Bella da impazzire, più scenografica di un kolossal ma anche trafficata come pochi altri posti al mondo. Per vivere al meglio atmosfere e paesaggi della Costiera Amalfitana la macchina è essenziale ed essendo le strade anguste, tortuose e con mastodontiche sorprese - vedere alla voce noncuranti e prepotenti autobus turistici che andrebbero banditi a vita dalla zona - dietro ad ogni curva cieca, l'auto in uso deve essere agile, compatta, confortevole, scattante sul breve e possibilmente senza tetto. In altre parole per guidare in Costiera, non c'è nulla di più adatto della sempre piacevole, sempre stilosa Mini Cooper S Cabrio.

Fonte: Jamie Plummer

Mini Cooper in azione con Positano sullo sfondo

Mini Cooper in azione con Positano sullo sfondo

Quella che vedete in queste foto in abito amaranto fumè, è la precedente generazione (la nuova versione per il momento è solo Coupè ndr) di Mini Cooper SD spinta da un efficace e piuttosto performante motore 2.0 diesel da 140 cavalli. Il che significa consumare pochissimo ad andature lente e autostradali ma anche avere tutto lo spunto che serve per effettuare sorpassi e cambi di direzione in allegria.  Ed a ciò si aggiunge un'estrema cura dei dettagli estetici - dove la forma non è mai fine a se stessa ma segue invece la funzione come il vero design comanda - ed un abitacolo molto piacevole per geometrie, comfort e multimedialità integrate.  Infine, la possibilità di ripiegare in un attimo la sobria ed elegante capote in tela, rende ogni spostamento più speciale. 

Fonte: Jamie Plummer

Mini Cooper SD a Praiano

Mini Cooper SD a Praiano

Sopratutto in luoghi ad alto tasso di spettacolarità visiva come la Costiera Amalfitana, dove ogni scorcio, angolo o panorama è un dipinto e un emozione che scalda il cuore. Per visitare con calma e in quest'ordine Positano, Praiano Amalfi, Ravello e Cetara due giorni possono anche bastare. Per dormire - e sul tema seguiranno approfondimenti - scegliete tutta la magnificenza de La Sirenuse di Positano.

Fonte: Matteo Morichini

La Mini parcheggiata davanti a l'hotel La Sirenuse di Positano

La Mini parcheggiata davanti a l'hotel La Sirenuse di Positano

Per mangiare distanti dalle folle e dalle costose trappole per turisti andate dritti sparati al Bar Mare Petit Restaurant sulla spiaggia di Praiano  e dopo un bel bagno nelle acque smeraldo della Costiera tornate a bordo della Mini Cabrio per un'altra sessione di curve verso Ravello e concludete la giornata con una lunga passeggiata tra i fiori e le sculture di Villa Cimbrone.

Fonte: Matteo Morichini

Il chiostro di Villa Cimbrone

Il chiostro di Villa Cimbrone

Diciamolo subito e senza troppi giri di parole; Le Sirenuse di Positano è un posto straordinario ed uno degli alberghi più belli non solo della Costiera Amalfitana ma di tutto il pianeta terra. La storica proprietà appartiene alla famiglia Sersale che ha saputo trasmettere a tutto lo staff dell'hotel classe,  garbo ed un impareggiabile eleganza. Le Sirenuse, è dunque essere gestito come meglio non si potrebbe ed è uno di quei posti che colpisce dritto al cuore, lasciando nell'anima dei viandanti ricordi onirici e indelebili. Prima di visitare la Costiera Amalfitana avevo più volte sentito parlare della bellezza di questo spettacolare angolo della Campania e di come Le Sirenuse fosse Positano, ed erroneamnente avevo accolto quanto sopra con un certo scetticismo immaginandomi l'esasperazione del turismo e prezzi fuori controllo. Ma dopo una notte a Le Sirenuse ho capito perchè le persone attraversano il mondo - dall'America all'estremo oriente - per soggiornare in questo meraviglioso albergo parte dei The Leading Hotels of the World. Ogni angolo della struttura è infatti un omaggio a tutto ciò che è bellezza e armonia. Dalla piscina, come dalle camere e dalla sala colazioni, c'è la vista di Positano più bella e illuminante che possiate immaginare dove un singolo sguardo cattura le primordiali rocce su cui è appollaiato il paese, la basilica con la cupola di piastrelle, poi la spiaggia, il mare e l'Isola dei Galli che appartenne al ballerino Nureyev e che nella mitologia secondo Omero fù uno dei luoghi del canto delle sirene nell'Odissea. A Le Sirenuse, storia ed epica convivono con arredi di un'eleganza sopraffina e nelle stanze, dominate dal bianco per meglio riflettere la maestosa luce del Mediterraneo, si potrebbe restare per ore a contemplare non solo l'unicità della vista, ma anche pavimenti e pareti impreziositi dalle ceramiche locali  e la perfezione di ogni singolo elemento e dettaglio. Tutto - dai materassi  all'ultima zampa del tavolino - è ai massimi livelli e rifinito con gusto e attenzione. I regali bagni dispongono di enormi vasche idromassaggio dalle quali si osserva l'infinito e le camere hanno lenzuola e asciugamani firmati Frette e tutti comfort e le tecnologie contemporanee. Gli spazi comuni poi sono un alternarsi di salette, terrazzi e corridoi impreziositi da soavi maioliche, mobili d'epoca e quadri storici. E nulla all'interno delle mura è forzato, vistoso o pacchiano. C'è un predominante senso di ricchezza e benessere ovvio, ma non di ostentazione. Le Sirenuse è ambasciatore di un lusso autentico, di grandissimo fascino ma non certo convenzionale e visitare Positano senza dormire nella storica proprietà è un pò come andare a Roma e perdersi Pantheon e Colosseo; perchè la Sirenuse prima di essere albergo era la casa privata della Famiglia Sersale ed all'interno della struttura si respira ancora la storia e la magia del luogo, che trova espressione negli arredi, nei dettagli, nella cortesia del personale e nell'eleganza di un architettura perfettamente integrata con uno dei paesaggio più belli del mondo. Ed infine, quando cala il sole e Positano diventa un presepe, oltre allo Champagne&Oyster Bar si può scegliere di mangiare nel ristorante La Sponda (una stella Michelin) illuminato da 4oo candele.    

Viaggi - Ontheroad

La Costiera Amalfitana sembra nata dalla tavolozza di un pittore che ha voluto utilizzare le sfumature di colore più calde e vive per creare un paesaggio che incantasse il visitatore al primo colpo, regalando emozioni uniche e panorami di tale suggestione da far dubitare, per un attimo, di essere reali.

Viaggi - Comunicablog

Senza dubbio i 50 chilometri di litorale più famosi e ammirati d'Italia. Da Positano passando per Amalfi , Ravello e Vietri sul Mare: un succedersi di paesi e borghi incantati, di costa alta e rocciosa, di profumi e colori mediterranei, di arte, storia e panorami che lasciano senza fiato per bellezza e suggestione. La Costiera Amalfitana è a ragione fra le mete predilette del turismo italiano e internazionale, non solo d'estate ma già dalla primavera fino all'autunno inoltrato potrete ammirare la bellezza di questi luoghi che offrono ai loro visitatori un'esperienza indimenticabile per tutti e cinque i sensi. Facile da raggiungere con treno o aereo (su Napoli o Salerno) è ben collegata al suo interno con navette e bus. L'offerta ricettiva è illimitata e varia: dai resort più esclusivi alle soluzioni più economiche e alternative. Imperdibile e indimenticabile.

Viaggi - Comunicablog