LIFESTYLE
Collezione di scatti dalle strade più belle d'Irlanda
Scritto il 2015-03-06
da Matteo Morichini
su
Itinerari

Fonte: Matteo Morichini

Strade come opere d'arte; memorabili percorsi che accarezzano fiordi e oceano, solcano colline verdi e paesaggi lunari e lambiscono abbazie, castelli, scorci bucolici e nostalgici parchi nazionali irlandesi come quello del Connemara. Chiunque ami i viaggi OnTheRoad, non può non dedicare almeno una settimana alle bellissime e impegnative strade irlandese.

Fonte: Jamie Plummer

Cambi di direzione in sequenza nel Connemara National Park

Cambi di direzione in sequenza nel Connemara National Park

Da scoprire in macchina (come detto un mezzo agile e compatto come la Mini Cooper S è ideale) oppure in moto. Prestando sempre molta attenzione perchè nell'isola si tiene la sinistra, spesso la selvaggia natura esercita uno strano magnetismo e - cosa che capita alquanto di rado - i limiti di velocità sembrano essere tarati sull'andatura di un pilota di rally. Nel senso che è necessario parecchio coraggio per affrontare la versione irlandese dell'"eau rouge" (foto sopra) a cento chilometri orari.

Fonte: Jamie Plummer

La Mini Coopers S lungo la Bog Road, Connemara National Park

La Mini Coopers S lungo la Bog Road, Connemara National Park

L'Irlanda propone una lunga serie di splendidi itinerari come il Ring of Kerry a sud-ovest, la Giants Causeway nell'estremo nord e la Wild Atlantic Way lungo l'Oceano Atlantico che circumnaviga tutto il paese. Noi ci siamo concentrati su quest'ultima dedicandoci al suggestivo tratto che va da Spanish Point a Cong, passando per il Burren, lo Scogliere di Moher, la Sky Road, Tulley Cross ed il Connemara National Park.

Fonte: Jamie Plummer

Strada lungo un fiordo dopo Tulley Cross

Strada lungo un fiordo dopo Tulley Cross

Nel prossimo articolo dedicato all'Irlanda troverete tutti gli approfondimenti sulle tappe da non perdere nella Wild Atlantic Way.

Fonte: Jamie Plummer

Curva tra prati e oceano appena dopo le scogliere di Moher

Curva tra prati e oceano appena dopo le scogliere di Moher

Fonte: Jamie Plummer

Verso Spanish Point; County Clare

Verso Spanish Point; County Clare

Cashel House - con il suo giardino segreto, gli arredi del diciannovesimo secolo ed  una posizione strategica per esplorare la straordinaria regione del Connemara - è  uno di quegli alberghi di charme dove non appena varcata la soglia, ci si sente subito come a  casa. Cortesia del gentilissimo personale, dei tanti intimi angoli in cui leggere, scrivere, osservare la natura circostante e anche dell'ottima cucina tipica, preparata solo con prodotti locali certificati bio e servita nell'elegante sala da pranzo con vista parco.  E tra le tante cose indimenticabili di Cashel House c'è sicuramente la raffinatissima colazione dove le marmellate e il pane fatto in casa, come le uova strapazzate da galline allevate a terra, vengono servite assieme a caffè, tè e spremute tra argenteria e cristalli. Costruita nel 1840 e diventata con gli anni meta di villeggiatura prediletta di molte personalità (tra cui Charles de Gaulle), Cashel House è un luogo suggestivo, riservato,  in qualche modo arcaico e sicuramente accogliente come pochi altri hotel storici al mondo. Non a caso la struttura è segnalata anche dall'ottima guida Ireland's Blue Book, che raccoglie solo il meglio - in termini di dormire e mangiare - dell'Irlanda. E Cashel House è davvero uno dei luoghi migliori - per posizione, architettura, cibo e atmosfera - come base di partenza per le tante escursioni che il Connemara offre, dove si spazia da fiordi, montagne, laghi, bog, cottage tipici, castelli e graziosi villaggi con vista oceano. Che s'intravede anche dalla villa, anche se le camere che osservano il parco - curate, comode, pulite ed anch'esse arredate con mobili antichi - trasmettono benessere e serenità. Infatti a Cashel House si dorme alla grande ed avvolti da quella piacevole  sensazione di essere completamente rimossi dal flagellante caos a cui siamo abituati. Le uniche sollecitazioni sono infatti quelle che uno sceglie di avere. La villa sembra costruita appositamente per il chill-out ma al tempo stesso tutte le attrazioni naturistiche, gastronomiche e culturali sono a pochi minuti di macchina (questa si essenziale per godersi la zona ndr) e, dulcis in fondo, il conto per una notte in camera doppia con prima colazione inclusa non vi rovinerà affatto il soggiorno, ma anzi lo renderà ancora più speciale. Il che significa che in Irlanda (paese non esattamente economico da visitare) ma non solo, Cashel House è uno dei migliori alberghi di charme anche in termini di rapporto qualità prezzo. 

Viaggi - Ontheroad

Edificato a partire dal 1228 sulle docili e scenografiche sponde del Lago Corrib, Ashord Castle è senza ombra di dubbio una delle meraviglie d’Irlanda ed uno dei The Leading Hotels of the World più suggestivi al mondo. Nel corso dei secoli, al primo blocco del castello si sono aggiunte mura fortificate, torri di guardia ed ali che riportano ai castelli della Loira. All’interno del quale si trova una suite dalle tonalità verdi tra le più spettacolari e raffinate di sempre; un principesco appartamento a due piani con tre eleganti bagni dominati dal marmo laconico, tappezzerie d’autore ed un regale salotto dove osservare fantastici tramonti e nubi rosa sul placido lago. L’accogliente camera da letto mansardata poi è quanto di più fiabesco esista, con angoli impreziositi da reperti storici, sfere di cristallo trasparente ed un pregiato velluto a foderare l’interni del particolare tetto conico. Che visto dall’esterno è la parte dell’edificio coperta di piante rampicanti. Il punto è che ad Ashford Castle ogni singolo particolare- dalle camere, alla sala da tè, passando per l’atrio, la sala proiezione e la stanza con biliardo, angolo bar e giochi vari fino ad arrivare agli angoli più remoti della struttura - è contraddistinto da arredi d’epoca restaurati con minuziosa dovizia ed un ineccepibile artigianato applicato ai migliori materiali possibili. La storia di Ashford Castle invece, è un viaggio attraverso le epoche del paese che lo ospita. Fondato nel 1228 dalla famiglia anglo-normann de Burgos, Ashford passa nelle mani – dopo una feroce battaglia – di Sir Richard Bingham nel 1589. Nel 1715 i Browne aggiungono l’ala in stile Chateaux francese ed a metà del diciannovesimo secolo  è il turno della famiglia Guinness, che acquista e ristruttura il castello e nel processo crea occupazione e porta prosperità ad una zona rurale tra le più povere del paese. Dopo una serie di altri passaggi di proprietà Ashford Castle viene acquistato da Red Carnation Hotel, che elevano la struttura ai massimi livelli grazie a numerosi interventi nelle camere, negli spazi comuni e nella Spa. Ashford è a circa un’ora di macchina da Galway ed adiacente al caratteristico paesino di Cong – dove tra i vari punti d’interesse assieme all’architettura tipica, un interessante chiesa diroccata ed un cimitero che fa molto The Walking Dead c’è anche Pat Coin, delizioso gastropub con specialità locali – nel punto in cui la Contea di Mayo accarezza il Connemara. Una posizione strategica per scoprire una delle regioni più belle e suggestive d’Irlanda, ma anche per rilassarsi all’interno del sontuoso estate. Ed il problema (relativo sia chiaro) è proprio questo; cioè che una volta completato il check-in, la volontà di lasciare la stratosferica tenuta sarà piuttosto esigua. I dintorni di Ashford sono interessanti e scenografici quanto i suoi interni. Il parco – diviso da un fiume che sfocia nel lago – può essere scoperto a piedi o a cavallo ed ospita la prima “School of Falconry” del paese, un giardino murato ed un giardino segreto. Da dove, osservando la struttura alla distanza, sembra di essere proiettati tra le pagine di in una meravigliosa favola.

Viaggi - Ontheroad