LIFESTYLE
Bmw i8 test-drive; tecnica, estetica e sensazioni visive
Scritto il 2015-02-13
da Matteo Morichini
su
Come muoversi

Fonte: Bmw Press

La i8 è un piccolo grande balzo nel futuro ed un progetto intelligente, innovativo, sicuramente riservato ad una ristretta nicchia di utenti e ancora più sicuramente dalla grande personalità per un modello bello da vedere e sopratutto da guidare. Come ho scoperto personalmente nel corso dell’X Drive Challenge in Svizzera organizzato dalla casa di Monaco. E ciò che segue è il resoconto di un'esperienza al volante davvero rara.

Fonte: Bmw Press

Con la Bmw i8 sulle strade innevate della Svizzera a Febbraio

Con la Bmw i8 sulle strade innevate della Svizzera a Febbraio

Mi dicono "vai, la i8 ti aspetta, parti subito perchè sei il primo del gruppo, abbiamo un sacco di strada da fare e siamo già in ritardo". M'incammino verso la ibrida plug-in e ad ogni passo l'emozione si fa più intensa. La scenografica apertura delle portiere è una chiara lettere d'intenti. Seguita da un leggero esercizio di  contorsionismo per salire a bordo, dove la prima cosa noto è la futuristica attualità del progetto. Regolo la posizione di guida; la seduta è  bassa – però confortevole – il volante bello massiccio è un'invito ad aggredire curve e cordoli e guardandomi intono noto come ogni nicchia ed angolo dell’abitacolo sia un tripudio di materiali ricercati, spigoli levigati, delicate rifiniture e forme geometriche che richiamano l'attualità e gli intagli della silhouette esterna.

Fonte: Bmw Press

Gli interni della Bmw i8

Gli interni della Bmw i8

Il cruscotto è una sorta di duplice schermo ad alta definizione, con cromie variabili a seconda della modalità di guida scelta e vari indicatori per monitorare lo stato delle due alimentazioni. Se la carrozzeria – con geometrie e trame costruite attorno ai flussi aerodinamici, le sottili linee al led, i fari anteriori laser, ed un’architettura che trasmette il senso della velocità e del movimento anche da ferma – è qualcosa da contemplare per ore, anche nell'abitacolo, la vista è immediatamente appagata dall’alluminio spazzolato che domina la plancia e dal muso sinuoso spiovente – dal quale s’intravede una ventola che fa molto De Chirico - mentre il tunnel centrale è piuttosto simile a quello di tutte le Bmw.

Fonte: Bmw Press

La i8 è facile da guidare e composta anche in condizioni al limite

La i8 è facile da guidare e composta anche in condizioni al limite

Con l’aggiunta del pulsante e-drive. Lo premo e decido di partire spinto solo dal motore elettrico. Che ha 131 cavalli di potenza e quindi, anche muovendosi a zero emissioni, l’auto è piuttosto vispa. E molto silenziosa. In più le batterie si ricaricano autonomamente, quindi finiti i 37 km di range elettrico, non ci sarà bisogno alcuno di sostare per 4 ore in attesa della ricarica.

Fonte: Bmw Press

La i8 nella bellissima Friburgo

La i8 nella bellissima Friburgo

Usciti da un paesino fin troppo ordinato (ma così è la Svizzera) arrivano le curve, poi una salita ed una lunga serie di tornanti. L’asfalto è lastricato di ghiaccio e neve. Decido che la modalità più adatta è quella sportiva, dove il motore termico da 1.5 litri, tre cilindri e 231 cavalli lavora assieme a quello elettrico, generando, nel processo, una variazione sul tema trazione integrale e 362 cavalli per 570 newtonemtri di coppia. Il cruscotto diventa arancione. Metto il cambio a sei marce su manuale e schiaccio deciso il pedale del gas sperando di non uscire di strada al primo cambio di direzione. Cosa che ovviamente non accadrà, come scoprirete nel prossimo articolo di OnTheRoad dedicato all'esperienza i8.

Fonte: Bmw Press

Altre scene di guida con la i8 in Svizzera

Altre scene di guida con la i8 in Svizzera