LIFESTYLE
C'era una volta The Beach
Scritto il 2014-08-01
da Matteo Morichini
su
Cosa non fare

Fonte: Matteo Morichini

E' strano come le due cose da non fare in Tailandia godano entrambe di fama planetaria. La prima delusione del viaggio è stata la cena al Nahm di Bangkok, assurdamente considerato (da una guida, va detto, redatta da un'acqua minerale) il miglior ristorante d'Asia. La seconda delusione, ben più cocente, è stata la visita a Ko Phi Phi Le; l'isola scelta da Danny Boyle come location del film The Beach. Anni fa, prima delle riprese, questa perla nel Mare delle Andamane con la sua laguna verde smeraldo circondata da rocce di granito, doveva essere uno spettacolo sublime. E probabilmente lo è ancora; a patto di arrivare in elicottero (cosa che può permettersi lo 0,1 percento dei turisti) alle prime luci dell'alba e godersi un paio d'ore di quiete prima del caos.

Fonte: Matteo Morichini

Ore 9, arrivo a Phi Phi le e la spiaggia è già piena di barche

Ore 9, arrivo a Phi Phi le e la spiaggia è già piena di barche

Io faccio parte di chi ha scoperto Phi Phi Le a scempio compiuto. Arriviamo in motoscafo intorno alle 9 del mattino e sulle spiaggia sono ormeggiate già una cinquantina d'imbarcazioni. Il mare puzza di nafta; la spiaggia è tappezzata di cose e persone disposti a mò di tetris. La gente cerca giustamente un pò di refrigerio in acqua ungendo il bagnasciuga di creme e oli abbronzanti. Nel frattempo le urla dei bambini si mischiano allo scoppiettare dei motori diesel e la riva ha la stessa godibilità di Via del Corso nel primo giorno di saldi. In neanche mezz'ora arrivano altre venti long tail boat. Alle 10:30 lo spettacolo è luciferino con la laguna letteralmente oscurata da natanti di tutte le taglie. La spiaggia non offre alcuna zona d'ombra e di nuotare non se ne parla perchè il rischio di essere tranciato da un'elica è elevatissimo. Insomma l'unica sensazione è la malinconia perchè assistere ad una tale bellezza tanto svilita, abusata e deturpata fa sanguinare il cuore.

Caos lOnTheBeach - Phi Phi Le

Caos OnTheBeach - Phi Phi Le

Ed il problema non sono certo i turisti (come me o tutti gli altri che giustamente vogliono vedere Phi Phi Le) quanto il totale disprezzo delle più basilari norme di ecologia e rispetto del territorio da parte dei tour organizzati. Che senso ha permettere alle imbarcazioni di attraccare lungo tutta la spiaggia? E perchè non è stato costruito un piccolo pontile per lo scarico dei passeggeri in modo che possano poi sparire dal panorama? Non avrebbe forse più senso contingentare le visite, o quantomeno suddividerle in fasce orarie in modo che tutti possano godersi lo splendore in relativa pace e senza folle intorno?

Fonte: http://bepic.net/

Phi Phi Le vista dall'alto

Phi Phi Le vista dall'alto

E quanti irreparabili danni all'ambiente ha creato e sta creando questa perdurante invasione della laguna più scenografica della Tailandia? E' ora che il Governo tailandese intervenga prima che sia troppo tardi. Se visitate Krabi capiamo perfettamente che sarà molto difficile resistere (noi non ci siamo riusciti) al richiamo di Phi Phi Le, ma è anche bene sapere che lo spettacolo sarà distante anni luce dalla magia immortalata dalle cartoline (tipo foto sotto) e che dopo qualche minuto l'unico  desiderio sarà quello di scappare a gambe levate.

Fonte: www.traveltodaylah.com.m

The Beach quand'era bella

The Beach quand'era bella

Articoli Correlati
Dalla Romagna, alla Toscana, fino all'Umbria, la Valtiberina è un mosaico di ambienti dai molteplici colori e profumi e custodisce una storia fatta di tradizione, arte e cultura, ma anche di innovazione, ricerca e sperimentazione. Sulle colline che sovrastano Sansepolcro, in una grande villa del Settecento circondata da 300 ettari di terreno, si trova infatti il "quartier generale" di Aboca, azienda che ha saputo coniugare all'antica conoscenza erboristica e al rispetto per l'ambiente le più moderne tecnologie e cognizioni farmaceutiche per creare integratori alimentari e dispositivi medici al 100% naturali. Fondata nel 1978 da Valentino Mercati come progetto imprenditoriale familiare, oggi è una realtà di respiro internazionale, ma conserva i principi di coerenza, umiltà e lavoro da cui è nata oltre trenta anni fa. A dimostrarlo - oltre alle coltivazioni con metodo biologico e al ciclo produttivo verticalizzato - ci sono una grande attenzione per la formazione e la divulgazione scientifica, rappresentata "fisicamente" dall'Aboca Museum. Piccolo grande tesoro custodito nella suggestiva cornice di Palazzo Bourbon del Monte, l'Aboca Museum o Museo delle Erbe non solo "recupera e tramanda la storia del millenario rapporto tra l'Uomo e le Piante" attraverso una preziosa collezione unica nel suo genere, ma grazie ai libri conservati nella Bibliotheca Antiqua è anche sede di un importante Centro Studi, la cui attività è focalizzata sull'analisi dell'utilizzo tradizionale delle piante officinali per attualizzarlo e renderlo funzionale alle moderne esigenze nel settore della salute, della cultura e dell'ambiente. Il passato viene così riconosciuto come fondamenta del futuro, nel rispetto di una storia e di una tradizione che impregna tutti i luoghi della Valtiberina, da Sansepolcro a Città di Castello, al punto di far dire della cittadina umbra che "l'arte è nell'aria". Del resto proprio qui si trova la Fondazione Palazzo Albizzini "Collezione Burri", che tra la sede espositiva di Palazzo Albizzini e quella degli Ex Seccatoi del Tabacco ospita circa 160 opere del celebre artista astratto. A Sansepolcro invece, nel Museo Civico, sono conservati il Polittico della Misericordia, San Giuliano, San Ludovico di Tolosa e la Resurrezione di Piero della Francesca. Il grande pittore rinascimentale, infatti, è originario del borgo aretino, che proprio al dipinto dedicato alla rinascita di Cristo deve la salvezza durante la seconda Guerra Mondiale. L'ufficiale inglese Antony Clarke, infatti, interruppe il bombardamento del paese dopo essersi ricordato, per averlo letto in libro di Aldous Huxley, che nel borgo era conservato il celebre quadro. Da amante dell'arte, dunque, decise di non rischiare di distruggerlo, salvando - di fatto - anche Sansepolcro. Sponsored by Aboca

Viaggi - Comunicablog

A Sansepolcro in Toscana (al confine con Umbria e Marche), i paesaggi naturali e l'altissima attenzione per il cibo hanno reso molto famosa questa realtà, classificandola come una meta imperdibile per chiunque sia amante del mangiar sano, senza per questo rinunciare alla bellezza del territorio italiano. A Sansepolcro è piuttosto conosciuto il giardino di Piero della Francesca di fronte al quale si trova l'Osteria "Il giardino di Piero", un ristorante che fa parte del gruppo Aboca, azienda leader nel mercato italiano dei prodotti per la salute a base di sostanze vegetali complesse. Intimo e per certi versi delizioso quanto minimale, questo luogo non rappresenta solo uno spazio dove la genuinità dell'arredamento si sposa alla perfezione con la scelta dei cibi che vengono selezionati con altissima cura e attenzione. L'Osteria il Giardino di Piero, infatti dà agli alimenti un sapore e una genuinità davvero unici nel loro genere. A testimoniare questo vi è una realtà di altissimo rilievo a Sansepolcro: si tratta di Aboca Museum - Erbe e salute nei secoli, un patrimonio non solo culturale e artistico, ma che racchiude anche nei contenuti un altissimo valore morale: quello dell'utilizzo delle piante medicinali come rimedio naturale nel pieno rispetto dell'ambiente. Il museo si trova, tra l'altro, in una location ammirevole, ossia il Palazzo Bourbon, sito nel cuore della cittadina, del bellissimo centro storico. Grazie al binomio che lega Aboca all'Osteria il Giardino di Piero, il ristorante non è dunque "solo" un luogo dove mangiar sano, ma rappresenta anche un posto dove poter contribuire, anche da consumatori, ad un circuito fatto di altissimo senso civico rispettando l'ambiente e senso artistico rispettando le tradizioni che vanno avanti da moltissimi anni, nonché sposando la filosofia di fondo con cui questo duplice rapporto riesce, in maniera eccellente, a proporre non solo piatti gustosi ma anche sapientemente proposti, con eleganza e stile. Brillante la scelta di inserire nel menù la provenienza delle materie prime, poiché viene spontaneo un sorriso pensando alla realtà dei piccoli agricoltori e contadini, oltre ovviamente a quei cibi a volte dimenticati il cui gusto, una volta assaggiato, non può che far piacere sapendo quanto rispetti l'aspetto biologico e green. Il motto dell'Osteria il Giardino di Piero, ossia Tradizione, Gusto e Salute, non poteva che essere dunque più indicato. Sponsored by Aboca

Viaggi - Comunicablog