LIFESTYLE
Il Gran Paradiso e la Peugeot 208 GTi
Scritto il 2013-10-08
da Matteo Morichini
su
Itinerari

Fonte: Matteo Morichini

Da Venaria Reale al Gran Paradiso. Un itinerario da weekend, intenso e scenografico ricco di cultura, natura, storia e gastronomia che abbiamo deciso di percorrere al volante della Peugeot 208 GTi. Auto comoda in città e divertentissima tra le curve alpine, con 200 cavalli, tanta agilità ed uno sterzo piccolo e preciso che da un gran gusto. Della 208 GTi parleremo nel dettaglio più avanti descrivendo impressioni e perchè la compatta del leone ha tutte le carte in regola per diventare un'icona.

Fonte: Venaria Reale

Venaria Reale

Tornando al percorso, dalla Reggia di Venaria alle porte di Torino, la più grande tra le modestissime dimore della dinastia Sabauda, patrimonio dell'Unesco dal 1997 e costruita a metà del XVII secolo su progetto dell'architetto Amedeo di Castellamonte,  al delizioso comune sparso di Cogne sul versante settentrionale del primo parco d'Italia, sono circa 150 km. 110 di autostrada ed il resto di curve e tornanti. Primo consiglio utile; uscite ad Aosta ed attraversate il capoluogo seguendo per Cogne invece che continuare sull'autostrada dove i prossimi 5 minuti di guida vi costeranno carissimi. Se uscite ad Aosta vi risparmierete invece 7 euro di pedaggio (14 euro, comunque tanti per così poca strada) evitando si sborsare un totale di 22 euro arrivando a quella successiva, che è 10km più avanti ma costringe gli automobilisti a pagare il casello come se arrivassero al Monte Bianco. Follie del nostro paese.

Bellevue e 208 Gti

Arrivati a Cogne il nostro suggerimento è di pernottare all'Hotel Bellevue http://www.hotelbellevue.it/splendida casa di montagna con vista privilegiata sulle vette del Gran Paradiso. L'albergo, finemente arredato e gestito con attenzione e passione dalla famiglia Roullet, è inserito nei Locali Storici d'Italia e tra le strutture Relais & Chateaux. 

Fonte: La Terrazza sul Gran Paradiso

La terrazza

Cogne è diventata famosa per i motivi sbagliati, ma in realtà è uno dei paesi più graziosi e curati di tutto l'arco alpino ed un ottimo punto di partenza per passeggiate lungo i corsi d'acqua tra camosci e lamponi, per escursioni e trekking tra i rifugi del Gran Paradiso o per le cascate di Lillaz,  borgo pieno di meravigliosi balconi fioriti,  ed il lago Ponton.

Fonte: Matteo Morichini

Lou Ressignon

Ultimo e non meno importante è il mangiare. A Cogne e dintorni la gastronomia è eccellente con la fontina come protagonista indiscussa di molti piatti tra cui fondute, crespelle, risotti, tortini e gnocchi di barbabietole. Ma oltre ai tanti piatti a base di formaggi troverete carne battuta con bagna caoda, foie gras, anatra, tagliate di cervo. Tra i vini i Pinot Neri ed i Torrette del territorio sono davvero eccellenti . I locali migliori dove mangiare, e dei quali racconteremo l'esperienza nei prossimi post, oltre ai ristoranti del Bellevue, segnaliamo con molto piacere e golosi ricordi Lou Tchappè e Lou Ressignon.

Visualizzazione ingrandita della mappa