LIFESTYLE
Intervista a Mauro Uliassi:"Su Masterchef ha ragione Petrini" (1a parte)
Scritto il 2013-07-22
da Matteo Morichini
su
Interviste

Fonte: www.curviefoodhungry.com

Senigallia. E' sempre bello parlare con qualcuno che ama svolgere il proprio lavoro al meglio delle sue possibilità.  E una conversazione con lo Chef Mauro Uliassi, 2 Stelle Michelin ed una smisurata passione per il cibo ed il piacere di scoprire e rinnovarsi, è un ottimo modo per scoprire storia e storie della cucina italiana, e di come si gestisce uno dei ristoranti migliori d'Italia . Uliassi (visita il sito) è un posto che ti fa stare bene ed è un'elegante angolo di pura eccellenza (per design, arredi, cucina e gestione) sul lungomare di Senigallia; sorge dove finisce la spiaggia di velluto ed inizia il porto: "Ho sempre voluto che il mio ristorante nascesse qui" ci racconta Uliassi al termine di una cena di 12 squisite portate che ricorderemo per decenni. Informale e rilassato nonostante 12 ore di lavoro filato, lo Chef si accomoda al nostro tavolo e ci racconta come hanno preso  forma le sue passioni; a cominciare dal cibo, e come i programmi stile Masterchef non siano esattamente un toccasana per la giovane cultura culinaria italiana.

Fonte: uliassi.it

Gamberi, melone

Cos’è il cibo per Mauro Uliassi?

Il cibo è per me un modo di comunicare entusiasmo e la passione per la vita. Un grande piatto, oltre a creare un immenso piacere, genera un intimità tra chi cucina e il cliente. Quando vedo la felicità negli occhi dei commensali  il mio ego gioisce, viene nutrito. Devo dire che fare il cuoco è stata una fortuna inaspettata e mai avrei pensato che sarebbe diventato un modo per dimostrare il mio carattere.

Con 2 Stelle Michelin i riconoscimenti sono grandi quanto le aspettative, perche da Uliassi ci si aspetta solo ed esclusivamente l’eccellenza.

Per questo ogni mattina bisogna azzerare tutti i successi e ripartire. Laboratorio e ricerca sono fondamentali, ma ancor di più è dare senso a ciò che fai. Esiste solo il qui e adesso, tutto cambia continuamente e per rinnovarsi serve concentrazione assoluta, che non di permette neanche di pensare a quanto sei stato bravo o somaro ieri, e cosa farai domani. Preoccuparsi solo dell’immediato è una grande scuola perchè l’importante è vivere e godersi il quotidiano.

Tutto ad un tratto l’Italia è letteralmente impazzita per gli show di cucina come Masterchef. Buon segno o pornografia gastronomica come l’ha definita Petrini.

È pornografia gastronomica. Prima di diventare cultura le cose devono assestarsi, e in’Italia abbiamo una cultura gastronomica molto giovane. In Francia, quando hanno tagliato la testa ai Re, i cuochi del reame, tutto ad un tratto senza lavoro, sono andati in mezzo alla gente a cucinare per i rivoltosi. Il ristornate nasce dalla parola ristoro e da questi cuochi reali diventati chef per il popolo. E nasce anche la figura dello Chef Patron, parlo di circa 300 anni fa, mentre da noi il primo Chef Patron è stato Gualtiero Marchesi. Prima di Marchesi i grandi cuochi italiani lavoravano per le famiglie nobili, negli Hotel a 5 Stelle, nelle navi, ma non avevano i loro ristoranti. La ristorazione italiana era fatta di trattorie, con pochi piatti molto semplici. Nell’immediato dopo guerra, con l’esplosione del trasporto su gomma e quindi tanti camionisti che dovevano mangiare, è cresciuto il numero di trattorie dove le donne di campagna proponevano la cucina tipica del loro territorio. Con ricette che cambiano ogni 10 chilometri ma con sei o sette piatti al massimo, e tutti molto classici. Questa è la base della grande cucina italiana che però è ben diversa da una cucina professionale.

Fonte: uliassi.it

interni

Cosa intendi per cucina professionale?

Il professionista ha curiosità, interesse e motivazioni molto diverse. Gira, cerca, sperimenta, visita i grandi chef, prova il loro cibo per progredire e migliorarsi sempre.

Fonte: uliassi.it

Seppie Sporche

Quanto è importante viaggiare per uno Chef?

Moltissimo; anche perche il primo modo per entrare nella cultura di un paese è proprio assaggiare il suo cibo, che è un elemento fondamentale. È il cibo che ti fa capire la storia, l’evoluzione, il gusto per il bello e per il buono di una nazione . Tutti i paesi che hanno una storia antica, come la Cina, il Giappone, molte parti dell’Asia, il Messico, hanno anche una grande cucina. L’America è una società moderna e non ha questa profondità.

Quali altre nazioni hanno una grande cucina?

Il Perù. La cucina peruviana sta venendo fuori grazie a Gaston Acurio, che è più conosciuto del Presidente, anzi forse sarà i prossimo Presidente. Questo è il potere del grande cibo, coinvolge tutti i sensi, coinvolge tutti, è un dato naturale. I dati biologici a cui nessuno può sottrarsi sono mangiare e trombare. E queste due cose possono diventare piacere, e quindi si possono fare un sacco di cose. Ma il desiderio del piacere si sviluppa soprattutto in società contaminate, ricche, opulente, in Congo bisogna preoccuparsi di sopravvivere e quindi non c’è spazio e tempo per sviluppare estetismi di sorta.

Articoli Correlati
FootLocker e Converse rendono omaggio al quotidiano e alla creatività dei propri clienti realizzando quattro diverse Chuck Taylor All Star per il progetto Made by you. Punto di partenza e ispirazione è il concetto di stile, inteso non solo come modo di vestire ma, prima ancora, come filosofia di vita, trasposto da quattro wearers dell'iconica sneaker in altrettanti modelli unici e originali e raccontato in una serie di video promozionali che sono allo stesso tempo riflessione personale e manifesto di un modo di essere e "stare" nel mondo. "Il mio stile è un insieme di tante cose", spiega l'artista di strada e writer MrPiro, che lascia che la sua ispirazione fluisca dal vissuto di ogni giorno, dagli incontri, dalle persone, dagli oggetti, dall'architettura per illuminare con "splash" di colore ed energia la città in cui vive, Madrid, e creare un paio di Chuck Taylor All Star semplici, ma allo stesso tempo piene di significato e di carattere. Crede nella forza e nell'importanza dei dettagli il producer Sam Tiba, la cui seconda casa - e biblioteca, supermarket e chiesa - è il club, la discoteca, dove si sente libero e connesso con le persone come in nessun altro luogo. La musica è il tramite, ma non un legame, e la libertà è una "anarchia organizzata", come il suo stile, che prende forma in un paio di Chuck Taylor All Star basse, nere ed essenziali. "Penso che una delle più grandi fonti di ispirazione sono le persone che credono in se stesse" è la convinzione e il punto di partenza di Charlie Barker, Instagram influencer che ha creato una comunità di oltre 500 mila followers pubblicando foto funky di suoi look ispirati agli anni '90. Lo stile è qualcosa per cui si è felici di come si è e lei lo dimostra con un paio di Chuck Taylor All Star basse nere sulla cui punta c'è scritto "Let's play". Per Victor Valero, Foot Locker Sneaker Expert trasferitosi a Londra per "crescere", "lo stile è qualcosa che riguarda solo me stesso". Indossare esclusivamente ciò che piace, lasciandosi ispirare da nuove persone, nuovi mood, dal cibo e da culture differenti è ciò che rende ciascuno unico e originale. Proprio come le sue Chuck Taylor All Star: bianche, "rilassate" e unconventional. Sponsored by Footlocker

Stile - Comunicablog

Ci sono tutti (o quasi) nel nuovo spot di Adidas per il lancio della nuova collezione di scarpe da calcio Samba, quelle che vedremo da qui ai prossimi mondiali di Brasile 2014...

Stile - Comunicablog