LIFESTYLE
A Imola con la RCZ Cup (Video Racconto)
Scritto il 2013-04-19
da Matteo Morichini
su
OnTheTrack

Fonte: Matteo Morichini

Nata per l'utilizzo ordinario, con un occhio al look e l'altro alla sportività, la Peugeot RCZ è adesso disponibile in versione "racing". Alleggerita e potenziata, con gomme slick e roll-bar e tante altre amenità da circuito, si chiama RCZ Cup e correrà nel Trofeo monomarca a lei dedicato a partire dal prossimo weekend a Vallelunga. Il prezzo di questa Peugeot da competizione è di 54,000 più Iva contro i 30,000 circa della Rcz standard. L'iscrizione al campionato costa 1800 euro, il montepremi finale è di 84,000 euro e se non volete prendere parte a tutte le tappe del trofeo,  c'è anche la possibilità di affittarla per un singolo weekend di gara, dove Peugeot Sport offrirà tutto il supporto necessario per le attività in pista. Per capire meglio di che si tratta, e quali punti in comune abbiano le due versioni, OnTheRoad le ha guidate entrambe nell'Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari. In una parola Imola, favoloso circuito nel cuore della terra dei motori che tutti ricordano per il più triste dei motivi; qui, nel muro in fondo al Tamburello, perse la vita il grande Ayrton nel 1994. Sul luogo dell'incidente ci sono fiori, la bandiera brasiliana e vengono i brividi ogni qualvolta ci si passa accanto.

Questo se avete tempo di girarvi ed osservare la via di fuga. Cosa improbabile s'un auto allestita unicamente per la massima performance in pista.  La RCZ da strada ha 200 cavalli. Quella da pista 260 (250 per la versione nella prova in video). La differenza potrebbe non sembrare così eclatante, ma se consideriamo che la RCZ Cup è anche molto più leggera (250kg in meno), ha freni molto più grandi, sospensioni ad-hoc, il cambio sequenziale, un enorme alettone posteriore ed un volante dalla risposta più che immediata, il risultato finale lo è.

RCZ stradale

Fonte: Peugeot Press

RCZ_RACING-0048

Fonte: Peugeot Press

RCZ_RACING_BOX-0005

Lo capisci da un sound così potente da non riuscire a sentirsi parlare, da grip e aderenza monumentali, dalla trazione che ti catapulta fuori dalle curve tipo fionda e dalla velocità massima di 245 orari. Nonostante Imola sia impegnativa come poche altre pista, la RCZ, superate le prime fasi di assestamento, trasmette sicurezza e adrenalina. Si aggrappa ai cordoli, quelli alla Piratella e delle Acque Minerali inclusi, come fosse routine, e nelle frenate in discesa, vedi Rivazza, è più composta di una Maggiordomo a Windsor. Il fatto che l'auto sia spinta dalla ruote anteriore sottrae qualcosa alla sportività pura ma rende l'apprendimento più facile e immediato anche per chi non è di estrazione corsaiola.  Insomma guidarla da un gran gusto, anche distanti dal limite. Bastano pochi giri per avere le endorfine in circolo e gli indumenti completamente bagnati di sudore per un esperienza coinvolgente e sopratutto divertentissima, cosa che per noi di OnTheRoad, assieme al feeling trasmesso dal mezzo, è  la cosa più importante.

Fonte: Peugeot Press

RCZ_RACING_BOX-0031